Le infezioni micotiche - o, più semplicemente, micosi - si manifestano quando dei funghi patogeni riescono a vincere e oltrepassare le naturali barriere difensive dell’organismo.

Sono infezioni tanto frequenti quanto sgradevoli, tali da poter attecchire sia sugli esseri umani che sugli animali. Nello specifico, questo tipo di infezioni tende a trovare condizioni particolarmente favorevoli sulla pelle dei nostri piedi, in corrispondenza di particolare umidità o qualora si venga in contatto con ambienti spesso non puliti scrupolosamente.

Gli spogliatoi di piscine e palestre, in genere, vengono considerati tra i luoghi dove più facilmente tendono ad essere contratte le infezioni micotiche ai piedi, quei contesti cioè in cui i nostri piedi tendono a toccare un pavimento che spesso non viene igienizzato a dovere, o sul quale, più semplicemente, sono passate molte altre persone.

Le micosi ai piedi tendono frequentemente a generarsi tra le dita dei piedi, la zona più umida e protetta. Qualora non si intervenga tempestivamente nel trattarle e curarle, questo tipo di infezioni fungine potranno andare ad estendersi dalla pianta del piede sino alle unghie.

Entrare a contatto con superfici non debitamente pulite e igienizzate, trascurare l’igiene personale, avere una sudorazione sovrabbondante e non usare calzature tali da permettere una naturale traspirazione, sono tutte casistiche che tendono a far aumentare le possibilità di incorrere in un’infezione micotica.

La sintomatologia delle micosi ai piedi è piuttosto comune e tristemente frequente. Tra le più facilmente riscontrabili rientra senza dubbio l’odore: la presenza di un’infezione micotica comporta la presenza di un odore sgradevole e persistente nonostante lavaggi e pediluvi. Altri sintomi altrettanto comuni sono un forte e persistente prurito localizzato, forte secchezza della cute interessata, ingiallimento e desquamazione della pelle.

Le micosi più frequenti e comuni. Come riconoscerle?

Piede dell’atleta

È una patologia contagiosa che colpisce nello specifico la parte glabra della cute del piede. Nota anche con il nome di Tinea Pedis, è un fastidioso e doloroso problema che affligge gli sportivi, ovverosia coloro che indossano comunemente e per lunghi periodi di tempo scarpe e calzature non adeguatamente traspiranti, oltre a frequentare luoghi caratterizzati da un clima caldo e umido, particolarmente favorevole al proliferare di questo tipo di funghi.

Le piscine, le palestre e le rispettive docce sono notoriamente i luoghi più a rischio per questo specifico tipo di infezione micotica. La trasmissione avviene infatti per contatto: è sufficiente che una scaglia di pelle desquamatasi dal piede di una persona malata entri in contatto con un secondo soggetto perché l’infezione possa diffondersi. Ovviamente, i contatti sono da intendersi sia diretti che indiretti.


Generalmente, osservare una periodica e corretta igiene personale senza trascurare i piedi, associato all’utilizzo di calzature e calzini idonei durante le attività sportive è il modo migliore di prevenire l’insorgenza di questo tipo di infezione micotica.

Sintomi più frequenti: 

  • Arrossamento della pelle.
  • Desquamazione, in modo particolare tra le dita e dalla pianta del piede.
  • Inspessimento della pelle.
  • Formazione di vesciche, in genere sulla pianta del piede e sui bordi laterali delle dita.
  • La pelle tende a screpolarsi.
  • Cattivo odore, persistente nonostante lavaggi e pediluvi.
  • Prurito.
  • Inspessimento delle unghie, che tuttavia non vanno che ad indebolirsi, spezzandosi e perdendo il loro aspetto naturale.

L’onicomicosi

L’onicomicosi è un tipo specifico di infezione micotica che aggredisce le unghie, indifferentemente delle mani e dei piedi. È un tipo di infezione purtroppo molto comune, ma non per questo meno pericolosa per la salute e l’aspetto estetico dei nostri piedi. Tende a svilupparsi più di frequente sulle unghie dei piedi, in quanto lavati con cura meno frequentemente e più esposti a condizioni di umidità e contatti a rischio.

Questo tipo di infezioni micotiche è causato da funghi, muffe o lieviti - altrimenti noti come miceti - i quali, attecchendo all’unghia, ne provocano rapidamente delle alterazioni nel colore naturale visibili ad occhio nudo. È importante, in caso di micosi alle unghie, intervenire tempestivamente: sia per evitare che la stessa abbia il tempo di diffondersi, propagandosi anche alle altre unghie del piede, che per prevenire che l’infezione possa provocare danni permanenti e non reversibili, come la perdita dell’unghia o delle unghie coinvolte.

Sintomi più frequenti:

  • Cambiamento del colore naturale dell’unghia (bianco, giallastro, ma anche marrone, nero o verde).
  • Inspessimento e sgretolamento dell’unghia.
  • Dolore.
  • Caduta dell’unghia (qualora l’infezione venga trascurata).

Come curare e prevenire le infezioni micotiche?

È importante ribadire come le micosi, specialmente quelle che aggrediscono la cute e le unghie del piede, non vadano mai trascurate. Per quanto comuni, restano pur sempre delle infezioni, e come tali comportano sempre dei rischi, sia per la salute che per l’aspetto estetico dei soggetti interessati. Come non ci stanchiamo di consigliare in situazioni analoghe, rivolgersi al proprio medico è sempre e comunque la prima cosa da fare e, senza dubbio, il primo passo per una effettiva soluzione al problema scaturito dall’infezione micotica.

I rimedi di cui potrete beneficiare, dietro opportuna prescrizione, prenderanno appunto il nome di farmaci antimicotici, appositamente rivolti a contrastare e sconfiggere questo particolare tipo di infezioni. Potranno consistere in pomate o smalti da applicare direttamente e con regolarità sulla zona interessata - detti anche farmaci ad azione topica - oppure persino dei farmaci assumibili per bocca, che invece si definiranno sistemici.

Questi medicamenti agiscono direttamente sul fungo che origina l’infezione, combattendolo sino a debellarlo, permettendo così la ricrescita di un’unghia sana e il ripristino della pelle localmente deteriorata. Solo in casi estremi il medico potrà valutare una rimozione chirurgica dell’unghia colpita dall’infezione, qualora sia impossibile agire diversamente.

Le migliori accortezze per prevenire l’insorgenza di tali fastidiose e pericolose infezioni sono spesso dettate dal comune buon senso: utilizzare sempre delle ciabatte o dei sandali da mare qualora si intenda utilizzare le docce di palestre, piscine e luoghi pubblici in generale e usare sempre e in ogni caso i propri asciugamani.

Asciugare sempre con attenzione i piedi e gli spazi fra le dita dopo la doccia, per evitare il formarsi di zone umide in cui i batteri responsabili delle infezioni possano proliferare. Utilizzare calzature traspiranti e calzini in cotone, specialmente qualora si decida di intraprendere attività sportive o agonistiche.

In conclusione, concedersi spesso un pediluvio di acqua tiepida e bicarbonato sarà non solo una calda coccola rilassante, ma anche un ottimo modo per mantenere la pelle del piede esfoliata e debitamente disinfettata, impedendo così l’insorgere di infezioni.